Stagione teatrale     giovedì 20 ottobre 2016 - 21.00
HTLM
Progetto OPERACOMICA
Scritto e diretto da FRANCESCO BRANDI
Interpretato da 
FABIO MAGNOLINI
ANGELO COLOSIMO
ETTORE NICOLETTI
DANIELE MAZZACURATI
 
Poniamo che una sera, andando a vedere l’Amleto di Shakespeare a teatro,trovaste solo una scenografia smontata, che lo spettacolo sia stato annullato, lacompagnia fallita per la crisi, e chedavanti a voi fossero rimasti solo quattrotecnici, a portare via le ultime cose rimaste. E che proprio questi quattro tecnici, un po' per sfida, e un po' per tirare su qualche euro, decidano di raccontarvelo loro l’Amleto, così come se lo ricordano, come l’hanno imparato vedendolo per mesi da dietro le quinte…
A questo punto rimarreste seduti o vi alzereste per uscire? Noi puntiamo tutto sul farvi restare seduti! Perché il nostro spettacolo è una scommessa imperdibile, un gioco folle, irresistibilmente comico, ma al tempo stesso serissimo, di unire l’alto con il basso, l’intensità poetica di Shakespeare con la leggerezza del teatro popolare. I nostri tecnici sono gli zanni da Commedia dell’arte, i servi goldoniani. Quattro clown che sudano sette camicie per farvi entrare, meglio possibile, nella complessità filosofica e psicologica dell’Amleto. Sono gli ultimi, persone semplici, poco avvezzi a porsi domande sui grandi temi dell’esistenza, semmai allenati a vedere l’esistenza con l'unico tema di sbarcare il lunario giorno per giorno. Raccontando Amleto raccontano se stessi, e raccontando se stessi raccontano Amleto. Scrutando Amleto colgono l’occasione per passare al setaccio le loro vite, i successi e i fallimenti, i dubbi e le certezze, i sogni realizzati e quelli che non realizzeranno mai. A poco a poco in questo bizzarro e surreale racconto amletico il teatro di Shakespeare trova un suo senso pronfondo. Perché alla fine, a chi serve Amleto e a che serve Amleto, se non siamo capaci di farlo entrare nel nostro quotidiano, e permettergli di aprire a ognuno di noi qualche spiraglio di luce sulla propria esistenza?
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 




« Stagione teatrale